Attori, personaggi dello spettacolo, artisti di ogni genere e di ogni epoca hanno trovato nella Costiera Amalfitana un luogo speciale per ritrovare la propria vena creativa. 

Storia, cultura, bellezza del paesaggio e buona cucina sono solo alcune delle tantissime cose che rendono la Costiera Amalfitana un posto unico nel suo genere. In pochi altri luoghi al mondo è possibile trovare una tale concentrazione di bellezza e la sensazione, per chi visita questo tratto di costa compreso tra Vietri sul Mare e Positano, è quella di sentirsi completamente sopraffatti.

Noi che siamo nati e cresciuti qui ci sentiamo dei privilegiati e da sempre siamo abituati a condividere questo dono con persone che giungono da ogni parte del mondo. Da secoli, infatti, la Costiera Amalfitana è la meta prediletta di artisti e scrittori che nell’arco degli anni si sono succeduti lasciando la loro impronta nell’arte e nell’artigianato locale, influenzando l’architettura e il carattere della gente.

La ceramica vietrese e il “periodo tedesco”

Come accaduto in passato per le diverse “ondate migratorie”, anche per gli artisti stranieri che hanno visitato la Costa d’Amalfi ci sono state delle stagioni privilegiate e una delle più importanti è sicuramente quella del “periodo tedesco“, il momento più fertile della ceramica vietrese. Negli anni a cavallo tra le due guerre mondiali, tra il 1920 e il 1947, decine e decine di artisti stranieri provenienti dal Nord Europa (soprattutto Germania) decisero di trasferirsi nella zona spinti dalla bellezza della paesaggio e dal basso costo della vita. In molti trovarono occupazione nelle piccole industrie e nelle piccole botteghe artigianali della ceramica locale e formarono una corposa colonia che rinnovò lo stile con nuove forme e nuovi elementi decorativi. Fu un momento di incontro tra scuole diverse e le influenze mediterranee si fusero con la cultura artistica tedesca per dare vita a qualcosa di unico.

Riccardo Doelker  fu senza dubbio il più importante esponente di tale periodo della ceramica vietrese. Con la sua formazione e il suo istinto creativo che faceva largo uso di colori e di immagini, restituì importanza ai caratteri tipici della tradizione popolare fondendoli con quelli dell’arte etrusca e cristiana. Tra gli elementi ricorrenti delle sue decorazioni ci sono i temi pirateschi, le feste in costume e gli animali come il caratteristico “ciucciariello”.

I vip arrivano in Costiera!

A distanza di anni, l’arrivo di artisti e di altri personaggi di spicco del mondo dello spettacolo non si è affatto fermato e ancora oggi le persone creative scelgono la Costiera Amalfitana per le proprie vacanze e per festeggiare gli avvenimenti più importanti. Solo per citarne qualcuno, lo scorso anno ci hanno fatto visita il regista Steven Spielberg, il rocker Bruce Springsteen e l’attore Orlando Bloom. 

Anno dopo anno, come avviene da secoli, il nostro bellissimo territorio continua ad essere un incredibile luogo di incontro tra culture, uomini e correnti artistiche diverse e per noi di MTN Company è un motivo di orgoglio e un’infinita fonte di ispirazione per il nostro lavoro.