Il paventato nesso animale-uomo per la trasmissione del Covid-19, le misure efficaci da adottare con i propri animali, i suggerimenti utili per i proprietari di animali da compagnia. Nel nuovo appuntamento con la rubrica #noipervoi di MTN Company ci siamo soffermati con il Professore Orlando Paciello, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della provincia di Salerno, nonché Docente di Patologia Generale e Anatomia Patologica Veterinaria presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università di Napoli “Federico II”.

Attenzione puntata anche e soprattutto sul ruolo dei Medici Veterinari e sulle iniziative messe a punto per fronteggiare quest’emergenza.
Buona lettura!

Come sta trascorrendo questo periodo, Presidente Paciello? Ci sono attività che ha riscoperto?
Sono sempre stato frenetico nelle mie attività e nonostante le limitazioni alle uscite dettate dall’emergenza sanitaria non mi sono risparmiato ad impegnare tutto il tempo a mia disposizione quasi a temere di concludere il periodo di lockdown senza riuscire a terminare ciò che avevo in mente. Di fatto le attività di formazione universitaria non si sono mai fermate così come i convegni ed i corsi di formazione, si sono spostati in Aule virtuali che non rendono meno efficaci i risultati anche se la mancanza del contatto visivo e dell’interazione immediata con gli studenti mi limita molto. Ho letto tanti lavori scientifici in questo periodo, soprattutto inerenti al Nuovo Coronavirus ed ho seguito il susseguirsi di decreti e linee guida da condividere con i miei Colleghi dell’Ordine per trovare con loro forme di sostegno alla professione. Nonostante tutto ho sicuramente avuto tempo da trascorrere con i miei bambini ed insieme a loro dedicarmi alla cura del giardino e dei mie tre cani e 10 gatti. La nostra opera più bella? Ve la mostro in questa foto.

All’inizio di questa pandemia si era creato un allarme sociale relativo all’eventuale rischio sanitario connesso all’infezione da COVID-19 nei nostri animali domestici. Cosa ci può dire al riguardo?
Sulla potenzialità del cane, del gatto o di altre specie animali di trasmettere il Nuovo Coronavirus, il SARS-CoV-2 responsabile della Malattia COVID-19 all’uomo si sa ben poco. Comunque, confrontando gli studi pregressi su altri coronavirus simili al SARS-COV-2 come il SARS-COV ed il MERS-CoV responsabili di due grandi epidemie rispettivamente nel 2002 nel 2012 non è mai stata dimostrata la possibilità di trasmissione di questi virus dai cani o dai gatti all’uomo. Pertanto, ad oggi, non esiste alcuna evidenza scientifica che gli animali domestici giochino un ruolo nella diffusione di SARS-CoV-2 che riconosce, invece, nel contagio interumano la via principale di trasmissione. L’elevata circolazione del virus nella popolazione umana non ha però risparmiato, occasionalmente, gli animali che condividono con l’uomo l’ambiente domestico. Ad oggi, nonostante siano stati riportati più di tre milioni di contagi umani confermati nel mondo, sono 6 i casi documentati di positività negli animali da compagnia: due cani e un gatto ad Hong Kong e un gatto in Belgio e 2 gatti recentemente a New York, tutti affetti da forme asintomatiche o paucisintomatiche come nel caso dei gatti in Belgio ed a New York che hanno manifestato una sintomatologia gastro-enterica e respiratoria. Inoltre, nello zoo di New York, nel Bronx sono stati segnalati positivi una tigre ed un leone. Nessuno di questi animali è morto a causa del nuovo coronavirus. In tutti i casi, all’origine dell’infezione negli animali vi sarebbe la malattia dei loro proprietari e/o detentori, affetti da COVID-19. Pertanto, non è giustificano un eventuale allarme sociale relativo all’interazione uomo-animale relativamente al rischio di infezione da SARS-CoV-2.

Nel rapporto uomo-animale ci sono comunque particolari misure da adottare?
Il rapporto uomo-animale deve sempre basarsi sul rispetto delle misure igieniche che in tempo di pandemia vanno implementate ricorrendo ad una maggiore igiene degli animali e delle persone evitando di utilizzare prodotti non specifici per la cura degli animali o formulazioni addirittura dannose per loro.  È sicuramente sconsigliato farsi leccare o condividere il cibo con i propri animali. Nella circostanza di persone affette da COVID-19 si raccomanda di limitare i contatti con i propri animali domestici e di rivolgersi ai medici veterinari qualora gli animali dovessero presentare una sintomatologia respiratoria o gastro-enterica. A tale proposito l’Istituto Superiore di Sanità ed il Ministero della Salute fanno diramato delle dettagliate raccomandazioni di comportamento per i proprietari di animali ed i medici veterinari.

Quali indicazioni suggerite ai proprietari di animali?
Se avete dubbi e incertezze di qualsiasi natura rivolgetevi ai vostri medici veterinari di fiducia e soprattutto ricordatevi che il ruolo dei pets nel rapporto con gli uomini e le corrette interazioni uomo-animale possono servire quale forma di supporto sociale utile a trasmettere una serie di benefici sia per la salute psicologica che fisiologica delle persone sicuramente molto valido in momenti di isolamento sociale come quello che stiamo vivendo inoltre, alcuni studi, che necessitano di approfondimento, hanno ipotizzato addirittura che che il contatto con i cani potesse proteggere, almeno in parte, gli esseri umani dal SARS-CoV-2 circolante.

Anche quella dei Medici Veterinari è una categoria a forte rischio di infezione. Come si sta muovendo l’Ordine di Salerno per tutelare i suoi iscritti?
I medici veterinari non hanno mai smesso di prestare la propria opera durante questa pandemia assicurando le urgenze ed emergenze agli animali in difficoltà, controllando e gestendo le emergenze sanitarie all’interno delle aziende zootecniche e garantendo la qualità e la sicurezza del cibo che arriva sulle nostre tavole ogni giorno. In molti casi i medici veterinari delle ASL fanno parte delle unità di crisi COVID-19 rispondendo al numero di pubblica utilità 1500 – Covid-19 e collaborando alle attività di prevenzione ed epidemiologia. Per questo motivo abbiamo chiesto alla Regione ed all’ASL di essere sottoposti ai test di screening sierologici per COVID-19 ed essere equipaggiati con idonei DPI per evitare contagi e tutelare gli utenti. In via emergenziale, l’Ordine ha acquistato e distribuito delle mascherine FFP-2 per tutti gli iscritti ed istituito un gruppo di lavoro COVID-19 composto da colleghi con i quali ci sentiamo e confrontiamo tutti i giorni per proporre e adottare soluzioni alla gestione dell’emergenza.

Qual è, in conclusione, l’augurio che fa a se stesso ed agli altri in vista di questa graduale ripartenza?
L’augurio che faccio a me stesso e quello di poter ritornare ad uscire con regolarità ed a riabbracciare gli amici il prima possibile, anche se non dovessi terminare tutto quello che ho in mente …! Ed a tutti auguro di poter ritrovare un nuovo equilibrio di normalità che ci consenta di vivere sereni le fasi della ripresa.

Info e contatti:
MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel.: 089 3122124-125; ufficiostampa@mtncompany.it – www.mtncompany.it