Vuoi migliorare la tua competitività aziendale? Hai in corso o vuoi intraprendere un percorso di transizione digitale ed ecologica?

Una squadra di professionisti con esperienza trentennale in ambito di consulenza e con esperienze di lavori realizzati in oltre 30 Paesi al mondo, insieme a MTN Company, sono disponibili per aiutarti nella stesura e realizzazione del tuo progetto di crescita competitiva internazionale.

  1. Transizione digitale ed ecologica, con il supporto SIMEST.

Cosa è:

finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di «Temporary Framework».

Obiettivo:

sostenere gli investimenti volti a favorire la Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI e promuoverne la competitività sui mercati esteri, in particolare le spese finanziabili riguardano:

  1. Spese per la Transizione Digitale (almeno il 50%):
    – integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
    – realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
    – investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
    – consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager)
    – disaster recovery e business continuity
    – blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali)
    – spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0
  2. Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione (non più del 50%):
    – spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc.)
    – spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in
    Italia e all’estero ecc.)
    – spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento
    Importo massimo finanziabile: € 300.000, l’importo non deve essere superiore al 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa

Erogazione:

1^ parte: 50% del finanziamento erogato entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.

2^ parte: restante 50%, dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le Spese ammissibili

Fondo perduto:

fino al 40% se il Richiedente ha almeno una sede operativa (attiva da almeno 6 mesi) in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia; fino al 25% dell’importo, se il Richiedente non ha almeno una sede operativa nelle regioni precedentemente citate;

Tasso d’interesse:

agevolato, pari al 10% del tasso di riferimento UE vigente al momento della delibera (attualmente 0,55% ma varia su base mensile)

Durata e modalità di rimborso:

6 anni di cui 2 anni di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata, relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e interessi durante il periodo di rimborso

Garanzie:

L’Impresa Richiedente può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie per la quota di Finanziamento. La quota di Cofinanziamento non è soggetta a garanzie

  1. Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri.

Cosa è:

finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di «Temporary Framework».

Obiettivo:

realizzazione di un progetto di investimento digitale per:
– la creazione di una nuova piattaforma propria (importo massimo del finanziamento il minore tra 300.000€ e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati)
– il miglioramento di una piattaforma propria già esistente; oppure (importo massimo del finanziamento il minore tra 300.000€ e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e
depositati)
– l’accesso ad un nuovo spazio/store di una piattaforma di terzi (i.e. market place), per commercializzare in paesi esteri beni/servizi prodotti in Italia o con marchio italiano (importo massimo del finanziamento il minore tra 200.000€ e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati)

Importo minimo finanziabile: 10.000 €

Le spese ammissibili sono:
– Creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo di un market place (creazione, configrazione, componenti hardware e software etc.,)
– Investimenti per la piattaforma oppure per il market place (spese di hosting del dominio della piattaforma, consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma etc)
– Spese promozionali e formazione relative al progetto (spese per l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place, formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della Piattaforma etc).

L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà in ogni caso essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.

Erogazione:

1^ parte: 50% del finanziamento erogato entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.
2^ parte: restante 50%, dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le Spese ammissibili

Fondo perduto:

fino al 40% se il Richiedente ha almeno una sede operativa (attiva da almeno 6 mesi) in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e
Sicilia; fino al 25% dell’importo, se il Richiedente non ha almeno una sede operativa nelle regioni precedentemente citate;

Tasso d’interesse:

agevolato, pari al 10% del tasso di riferimento UE vigente al momento della delibera (attualmente 0,55% ma varia su base mensile)

Durata e modalità di rimborso:

4 anni di cui 2 anni di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata, relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e interessi durante il periodo di rimborso

Garanzie:

L’Impresa Richiedente può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie per la quota di Finanziamento. La quota di Cofinanziamento non è soggetta a garanzie.

Poiché le misure sono ad esaurimento fondi, il timing d’intervento è estremamente ristretto e le domande devono essere pre-caricate già dal 21 ottobre perché la presentazione a partire dal 28 ottobre sarà una sorta di “click-day”.

Per ulteriori informazioni contattaci compilando il seguente form: