Di sicuro avrai già sentito parlare di Marketing Facebook o di come fare marketing con Facebook. Ma, pur avendone sentito parlare, spesso non si sa dare una chiara definizione di cosa sia il Facebook Marketing o di come fare attività di marketing su Facebook in maniera corretta.

Da più parti si legge dei benefici all’azienda derivabili dal Facebook Marketing Business in termini di aumento del fatturato, miglioramento del business e incremento delle vendite, ma più si scende nel dettaglio e più crescono i dubbi e le incomprensioni su come fare in modo corretto marketing su Facebook.

Questo, sicuramente, anche per via dei continui aggiornamenti che la piattaforma subisce, implementando di conseguenza gli strumenti per la promozione di aziende o liberi professionisti.

In quest’articolo, pertanto, cercheremo innanzitutto di capire cosa sia il Facebook Marketing, di come fare Marketing su FB (soprattutto come fare marketing Facebook in modo corretto) e, in ultimo, anche di come realizzare un piano di marketing mediante agenzia di marketing e comunicazione specializzate nel settore. Ma procediamo con ordine.

 

Che cos’è il Marketing Facebook

Innanzitutto partiamo dallo specificare che quando si parla di Facebook Marketing Business parliamo delle attività di marketing su Facebook per le aziende.

Quest’attività viene effettuata da un esperto in social media marketing, comunemente definito social media manager, il quale è un professionista del settore capace di interfacciarsi con ogni tipo di piattaforma e determinare una strategia di comunicazione fatta su misura alle necessità e ai valori dell’azienda, al fine di strutturare un sistema di produzione e amministrazione dei contenuti utile ad aumentare il numero di possibili clienti e follower.

Detto in altre parole, il social media manager è quella figura professionale che all’interno di agenzie di comunicazione si occupa solo ed esclusivamente del social media management (ossia gestione dei profili social) delle aziende.

Il social media manager, per inclinazione professionale, è in costante aggiornamento sull’uso e gli aggiornamenti delle diverse piattaforme sociale, ma anche e soprattutto per studiare e analizzare quali siano innanzitutto i social che fanno al caso di ogni specifica azienda, al fine di individuare quelli che permettono di migliorare il business dell’azienda o del brand di riferimento.

Nelle righe successive non troverai indicazioni su come aprire una pagina Facebook. Se era questo il tuo intento, no. Te lo dico subito.

Ma ti consiglio di non abbandonare questa lettura perché scoprirai nozioni molto interessanti sia su come gestire le inserzioni su Facebook sia per vedere quanti e quali strumenti offre questa piattaforma per fare business e come utilizzarli al meglio.

 

Perché è importante fare Marketing Facebook

Ogni strategia di web marketing (https://blog.mtncompany.it/consulenze-social-media-marketing/)  non può prescindere da una presenza sui social media. Questa è una premessa all’apparenza banale, ma nel dettaglio non scontata.

Per fare Facebook Marketing è necessario essere presenti sui social come brand o come azienda. È importante, per non dire imprescindibile, per qualsiasi brand o azienda includere il Facebook Marketing nel proprio Piano di Marketing per almeno una delle seguenti motivazioni:

  • Aumentare la visibilità del proprio marchio;
  • Rafforzare il legame coi propri clienti/utenti;
  • Incrementare le visite al proprio sito/blog;
  • Promuovere la vendita dei propri prodotti/ servizi.

Hai capito che Facebook ha 2,80 miliardi di utenti mensili attivi (Facebook, 2021)? E se questo dato non fosse sufficiente a convincerti dell’importanza delle statistiche Facebook, considera che ha anche 1,84 miliardi di utenti attivi quotidianamente.

Questo significa che gli utenti visitano almeno uno dei prodotti principali di Facebook – ovvero Facebook, WhatsApp, Instagram o Messenger – almeno una volta al giorno.

Ti è chiaro ora perché è importante fare Marketing Facebook, ma soprattutto che è necessario fare Marketing su Facebook in modo corretto?

Fare Marketing Facebook però non devi pensare si tratti solamente del cosiddetto Facebook Advertising, ossia delle campagne sponsorizzate. Quando si parla di fare marketing su Facebook, oltre a quest’aspetto che va sotto il nome di Facebook Ads (ossia campagne a pagamento), vi è anche quello delle attività in organiche, cioè gratuite (realizzate, dunque, senza l’impegno di budget sul social).

Scopriamo insieme quali sono gli strumenti per fare Marketing su Facebook in modo corretto sia in maniera organica che a pagamento.

 

Come fare Marketing in Facebook

A differenza di altri strumenti, Facebook è molto importante perché non va alla ricerca degli utenti ma li coinvolge in una relazione duratura e naturale all’interno dell’ambiente digitale (social) in cui gli utenti già si trovano.

Per questa sua natura di strumento di Inbound Marketing, Facebook si differenzia da un banner pubblicitario o dall’email, che invece sono finalizzati a indurre gli utenti a compiere una specifica azione. C’è da considerare però che per fare in modo corretto Marketing in Facebook non si deve avere la pretesa di ottenere risultati in pochissimo tempo.

Un lavoro strategico ed efficiente presuppone che alle spalle di un brand o di un’azienda che vuole fare Facebook Marketing ci sia una strategia di lungo termine: l’unica possibilità, questa, per raggiungere risultati produttivi.

 

Creare una pagina Facebook

La condicio sine qua non per fare Marketing su Facebook è quella di avere una pagina Facebook aziendale. La pagina Facebook aziendale può essere creata o mediante il tuo profilo personale o tramite il Business Manager, sul quale ci soffermeremo tra poche righe. La pagina aziendale, a differenza del profilo personale, permette più vantaggi nella promozione del tuo brand e/o dei tuoi prodotti e/o servizi.

Innanzitutto hai la possibilità di comunicare “a molti”, nel senso che – diversamente dal profilo personale dove c’è il tetto massimo di 5000 amici – per la pagina aziendale su Facebook non ci sono limitazioni numeriche di Follower che potranno seguirti. Una seconda motivazione, altrettanto importante, è che il profilo personale non accede a diversi strumenti, tra cui gli annunci a pagamento.

Definita e creata (quindi scelta la foto profilo, inserite le informazioni, la biografia, il link all’eventuale tuo sito aziendale, l’indirizzo e i tuoi contatti, assegnati i ruoli della pagina – amministratore, editor, moderatore, inserzionista), la Fan Page va curata e gestita in maniera costante e continuativa, con un preciso e studiato piano editoriale in cui vengono pianificati i contenuti da pubblicare sul social, in vista anche degli obiettivi da perseguire e quelli raggiunti.

Il piano editoriale (PED) è lo schema organizzativo dei contenuti, al quale segue il calendario editoriale, dove su base settimanale, mensile, trimestrale e così via, vengono definiti:

  • la tipologia di post da pubblicare (link, immagini o video);
  • le date e gli orari di pubblicazione;
  • la tipologia di contenuto (organico o a pagamento).

 

Come configurare il Business Manager

Avrai sentito spesso parlare di Business Manager, abbreviato BM. Ma cos’è e a cosa serve forse non ti ancora chiaro. Bene, partiamo dal dirti che il Facebook Business Manager è uno strumento gratuito di Facebook che ti permette di centralizzare, controllare e gestire tutte le attività aziendali che svolgi su Facebook. È un tool indispensabile per creare e ottimizzare campagne di social media marketing efficaci.

In questa dashboard puoi gestire diversi account social, sia privati che di aziende clienti, non solo per quanto concerne le attività di social media marketing su Facebook, ma anche su Instagram.

Come avrai capito, il Business Manager è uno strumento di lavoro imprescindibile per un social media manager che voglia effettuare campagne di Facebook Marketing efficaci. Con il Facebook Business Manager puoi, dunque, effettuare una serie di attività utili alle strategie di marketing in Facebook, tra cui:

  • stabilire ruoli e mansioni ai tuoi collaboratori (risorse)
  • controllare il lavoro svolto dai collaboratori (risorse)
  • schedulare i post e la relativa pubblicazione
  • gestire, monitorare e ottimizzare le tue campagne a pagamento (Facebook Ads)
  • progettare le campagne di Retargeting (di cui leggerai in seguito)
  • monitorare gli insight della pagina per il reporting delle attività svolte
  • usufruire di strumenti di Intelligenza Digitale e Machine Learning gratuiti da utilizzare ad esempio per l’individuazione dei migliori orari per pubblicare i post in organico e per l’ottimizzazione delle campagne Ads a pagamento.

Va da sé che tutte queste attività sopra elencate siano esplicabili dopo una corretta configurazione tramite il sito business.facebook.com, per la quale sono necessari una email e un profilo Facebook privato (personale) già attivo. fatto questo, dovrai:

  • inserire una password
  • cliccare su “Crea Account”
  • inserire il nome del sito e/o dell’azienda
  • indicare l’indirizzo di posta elettronica aziendale
  • specificare nome e cognome personali e altre informazioni dell’azienda che ti verranno richieste.

A questo punto il tuo Business Manager è pronto e potrai iniziare la tua avventura nel mondo del Facebook Advertising.

 

Facebook Advertising

Dal suo avvento (datato 2004) ad oggi Facebook ha immagazzinato miliardi e miliardi di dati sulle persone (interessi, sesso, orientamento politico, gusti, email, geocalizzazione e tante altre informazioni) che oggi lo rendono la piattaforma per eccellenza per campagne di Facebook marketing performanti e mirati al pubblico di interesse.

Queste stesse informazioni rappresentano la vera risorsa che la piattaforma (oggi nota come Meta) mette a disposizione degli inserzionisti, ossia delle aziende o brand che investono budget per campagne sponsorizzate, che arrivano a targettizzare i propri annunci.

Per fare un esempio, la Galleria d’Arte di Bolzano potrà rivolgere l’invito per la visita o la mostra X al pubblico rientrante in quell’ambito geografico e che abbia come interessi la cultura e l’arte. Allo stesso modo, un ristorante giapponese potrà intercettare un pubblico con quei gusti di cucina.

Ma nonostante ciò, non è sempre scontato che la campagna di Facebook ADS porti come conseguenza i risultati sperati. Qui entrano in gioco la competenza e la professionalità del social media manager, che dovrà tenere sempre in forte considerazione tre aspetti:

  • l’individuazione del target
  • la scrittura del testo dell’annuncio con grafiche adatte
  • la previsione del budget adeguato a raggiungere gli obiettivi della campagna

Solo così potrai ottimizzare le tue risorse economiche, senza sprecare budget verso un pubblico non interessato al tuo annuncio (inutile far vedere l’annuncio della Galleria d’Arte di Bolzano a un residente a Lecce, così come inutile far vedere l’annuncio del ristorante giapponese a chi non piace questa tipologia di cucina).

Ma soprattutto, solo così potrai indurre il tuo pubblico target a compiere le azioni che desideri (chiamare per prenotare l’accesso alla Galleria d’Arte o il tavolo al ristorante giapponese, restando sugli esempi sopra esposti).

Tra le azioni possibili mediante una campagna di Facebook Advertising rientrano manche:

  • ottenere nuovi “Mi Piace” sulla fan page
  • aumentare il traffico verso il sito web o landing page
  • compilare un modulo di contatti (rilasciando i propri dati)
  • effettuare una chiamata o messaggio WhatsApp
  • comprare sull’ecommerce o anche sulla vetrina dei prodotti su Facebook (o Instagram)

Se sei arrivato fino a questo punto, vuol dire che ora sei in grado di impostare la tua prima campagna di Facebook ADS. Devi accedere in “Gestione inserzioni” e cliccare su “Crea”. Diversamente, puoi sempre chiedere una consulenza a esperti di social media marketing per la tua azienda (https://blog.mtncompany.it/consulenze-social-media-marketing/).

 

Campagne Retargeting, cosa sono e a cosa servono

Nelle righe precedenti abbiamo accennato il Retargeting. Ma cos’è e in cosa consiste? Ecco, cerchiamo di darti utili indicazioni su questa tecnica, nota anche come Remarketing, grazie alla quale è possibile mostrare gli annunci pubblicitari a un pubblico di persone potenzialmente interessato al tuo brand o al tuo prodotto e/o servizi o che sono stati già tuoi clienti.

Tutto ciò avviene grazie ai “Cookie”. I Cookie sono stringhe di codice che si “attaccano” sul tuo browser ogni volta che visiti il sito e che permettono ai siti web e alle aziende di seguirti mentre navighi sul web anche per altre faccende.

Questi Cookie, inoltre, permettono di identificare il buyer personas, ossia quella categoria di pubblico di riferimento (e non dunque la singola persona) che quando visita il tuo sito viene codificato in modo tale che poi, quando si collegherà su Google, Instagram, Facebook o altre piattaforme, possa essere raggiunto da annunci affini ai suoi interessi o di siti web che ha navigato precedentemente.

Il codice che permette di catalogare il tuo pubblico di persone è il Pixel. Si tratta di un codice che viene fornito dallo stesso canale social e che dovrai inserire in ogni pagina del tuo sito web che vuoi monitorare.

Se hai configurato in modo corretto il tuo Business manager potrai anche decidere di personalizzare i tuoi Pixel per il tracciamento e grazie a questi raggiungere il tuo target di riferimento e/o gli obiettivi della tua campagna di retargeting su Facebook (campagne per visitatori in base al tempo trascorso, campagne da traffico da sito web, campagne con pubblico selezionato in base ad un’azione specifica, e così via).

 

Vuoi realizzare un piano di marketing su Facebook? Affidati a esperti del settore

Come MTN Company – agenzia di comunicazione integrata supportiamo le aziende nella creazione di campagne pubblicitarie digitali, attivando e gestendo le piattaforme più idonee alla divulgazione del brand e creando annunci promozionali, che – a seconda dell’obiettivo individuato in fase di strategia – possono essere finalizzati a:
• portare gli utenti sul proprio sito
• aumentare i fan della propria pagina
• innescare il cosiddetto passaparola (consigliato per vendita di prodotti per interesse privato, promozione di eventi e luoghi fisici)
• aumentare la popolarità di un marchio o di un’attività commerciale

Si tratta di uno strumento di advertising molto preciso e, dunque, efficace perché permette di identificare il pubblico in target, la fascia d’età che occorre, la posizione geografica prevista, gli interessi o il profilo d’istruzione del target.

Noi di MTN Company siamo, inoltre, Google Partner. Google Partner è il programma di Google per le agenzie pubblicitarie ed i professionisti del marketing digitale. Si tratta di una certificazione che è sinonimo di esperienza, affidabilità e competenza, perché le agenzie di comunicazione che la conseguono dimostrano che la loro attività gode di buona salute, che i clienti sono soddisfatti e che vengono rispettate le best practice di Google.

Nello specifico, abbiamo conseguito la certificazione Google Ads per la pubblicità associata alla ricerca, tenendo fede come sempre a un modus operandi basato sulla formazione e l’aggiornamento.

Si tratta di un accreditamento professionale ideato per contraddistinguere gli operatori di web marketing che hanno particolarmente a cuore gli investimenti pubblicitari dei propri clienti. In particolare il badge partner riconosce che la nostra agenzia ha soddisfatto i seguenti requisiti:

  • spesa di Google Ads superiore ai 10 mila dollari negli ultimi 90 giorni
    • risorse interne che hanno superato gli esami di certificazione Google dimostrando le proprie competenze
    • rendimento inteso come aumento del fatturato, crescita e fidelizzazione dei clienti

Affida la gestire del tuo piano di Facebook Marketing a chi realmente si prende cura dei tuoi reali obiettivi!

Compila il form e fisseremo un appuntamento (anche on line se preferisci) per discutere del modo migliore per raggiungere insieme i tuoi obiettivi di business: