L’organizzazione di eventi unici, in grado di regalare emozioni indimenticabili. Questo fa per lavoro, ma più che altro per diletto e passione, la nostra “amica” Donatella D’Agostino. Da sempre innamorata della bellezza e delle sfumature della vita, si occupa e preoccupa di realizzare i sogni degli altri. Tecnicamente si dice “event creator”. Siamo stati a colloquio con lei. Ne è scaturita un’interessante chiacchierata. Dalla sua attività ai servizi offerti, dai segreti del suo successo alle prospettive della sua professione. Con attenzione puntata anche sul suo prossimo corso di formazione in materia. Leggiamo insieme…

Donatella, innanzitutto si presenti a chi non la conosce.
Sono Donatella D’Agostino, event creator. Con una laurea in Giurisprudenza ed una lunga carriera nel settore assicurativo, a 50 anni ho realizzato che la mia vita non mi soddisfaceva più. Così ho deciso di stravolgere tutto. “Creativa” da sempre, mi portavo dietro da anni il desiderio e l’idea di realizzare, ed ancor più regalare, attimi, atmosfere e sensazioni che rendono ancor più indimenticabili i momenti che segnano la vita di tutti… nascite, compleanni, lauree, matrimoni, ricorrenze. Ogni volta, al pensiero di un evento, immaginavo come l’avrei voluto io. Quali particolari, oggetti, arredi avrei scelto a seconda del luogo, della stagione, della ricorrenza. Così, ad un certo punto della vita, è arrivato anche per me il momento propizio per realizzare il mio sogno. Un sogno che ora ho la fortuna di vedere concretizzato. Ed oggi, grazie alla mia esperienza, alla mia fantasia ed alla professionalità dei miei collaboratori, sono in grado di realizzare i sogni di chi si rivolge a me.

Quali servizi offre alle persone che si rivolgono alla sua organizzazione?
La mia attività è fondamentalmente un’agenzia per l’organizzazione di eventi, ma anche un laboratorio per il wedding. Mi piace rendere “unico” ogni evento, studiando tutti i dettagli, quindi non solo la location, ma anche gli arredi, i tovagliati, i fiori, le scenografie. Il tutto strutturato in un progetto che seguo personalmente nella realizzazione. Sono presente, infatti, in tutte le fasi in stretta collaborazione con i vari operatori del settore.

È fortemente convinta che per la buona riuscita di una cerimonia sono fondamentali i dettagli ed i particolari.
Sì, è così. Sono lo studio e l’attenzione per i particolari che rendono unica ogni situazione. Amo l’arte e questo mi aiuta a dare risalto ogni volta alle piccole cose. Colgo i suggerimenti degli sposi e dalle parole di chi si approccia a me nasce l’idea.

Tra i tanti, quale evento o cerimonia da lei organizzato le è rimasto maggiormente nel cuore o ricorda con maggiore soddisfazione?
Sono diverse le situazioni che ho affrontato e svariate le gioie e soddisfazioni ricevute. Il “Matrimonio al Museo” ad esempio, pubblicizzato su varie riveste ed in tv, o l’ultimo wedding a Roma, dove, immersi nella storia e nelle bellissime scenografie della città eterna, ho realizzato un evento da favola.

Quali sono le prerogative e le peculiarità per diventare un event creator?
La passione per il bello e per l’arte, una grande fantasia, una spiccata dote organizzativa e, non da ultima, la capacità di ascoltare.

Quali sono le maggiori difficoltà che si affrontano in questo lavoro?
Le difficoltà sono innumerevoli. A partire dalla conduzione di una squadra di lavoro, perché il team è fondamentale in questo campo. E non è cosa da poco. Inoltre, bisogna avere la capacità di risolvere i problemi inaspettati. Insomma, occorre essere dotati di calma e sangue freddo.

Cosa differenzia un event creator “normale” da un event creator “speciale”?
La “specialità” la fa la persona, il suo essere, la sua personalità. Questo non è un lavoro che si improvvisa, ma necessita di tutta una serie di conoscenze dalle quali non si può prescindere. È fondamentale far funzionare le mente per evitare innanzitutto gli eventi “copia e incolla” e per creare ogni volta qualcosa di speciale.

Sta per partire il suo corso di formazione “Professione Event Planner”. Tra tante iniziative similari, perché consiglierebbe di scegliere la sua?
Al di là dell’aspetto tecnico, che do per scontato, credo di poter trasmettere la passione e di poter stimolare in coloro che si avvicinano a questo mondo la “molla” per far uscire quella nota nascosta per esprimere se stessi e donare agli altri la gioia di vedere realizzati i propri sogni.

In conclusione, quali sono secondo lei le prospettive e le evoluzioni future del suo lavoro?
La concorrenza è spietata. Solo chi lavora con dedizione, passione e studio può rimanere in auge, mentre gli “approssimativi” e gli “improvvisati” non sono destinati a durare. Per organizzare i grandi eventi, infatti, ci vuole una dote particolare, che non tutti possiedono.

Per info e contatti:
www.donatelladagostino.itwww.facebook.com/DonatellaDAgostinoEventCreator/