Fornire soluzioni e dati climatici per utenti con diverse competenze ed esigenze: è la finalità di dataclime.com, il sito web del servizio climatico CLIME, sviluppato dalla divisione “Modelli regionali ed Impatti geo-idrologici” (REMHI) della Fondazione CMCC (Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici).

Realizzato in doppia lingua (it – en) dall’agenzia di comunicazione integrata MTN Company (che si è occupata anche della realizzazione dell’identità visiva e dello sviluppo del coordinato di comunicazione), il sito dataclime.com da una panoramica generale sul servizio CLIME, sulle diverse tipologie di utenti a cui si rivolge (società di consulenza, ingegneri, ricercatori universitari, scienziati ed amministratori pubblici), presentando anche case history di alcune analisi climatiche sviluppate in precedenza.

CLIME è in grado di gestire l’intera catena di produzione delle informazioni: dalla collezione/archiviazione dei dati climatici, all’elaborazione degli stessi in base alle esigenze dell’utente. L’elaborazione dei dati climatici comprende tecniche di bias correction ed analisi climatiche a partire da proiezioni climatiche ad alta risoluzione.

Ed ancora, CLIME è anche in grado di fornire dati climatici a supporto di diversi studi di impatto (ad esempio inondazioni, siccità, frane, ondate di calore, tempeste di vento).

Proprio su questo tema mercoledì 22 maggio 2019, alle ore 15.30, presso l’Aula Gioffredo del Palazzo Gravina dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – DiARC, sita a Napoli in Via Monteoliveto 3, si terrà l’incontro dal titolo “Come cambia la città. Cambiamenti climatici e sviluppo urbano: strumenti di supporto all’adattamento locale”, promosso dalla Fondazione Cmcc – Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, in collaborazione con ASVIS, Università degli Studi di Napoli “Federico II” – Dipartimento di Architettura e MTN Company.

Durante l’iniziativa, che rientra nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019, scienziati e amministratori si incontreranno per raccontare le sfide più imminenti e fare il punto sulle conoscenze attuali e delle prospettive future per assicurare alle nostre città uno sviluppo sicuro e sostenibile.

Clicca qui per avere maggiori informazioni sull’appuntamento del 22 maggio a Napoli.